Quando gli strumenti sono preziosi.

Produrre energia rinnovabile in modo efficiente e concorrenziale vuol dire disporre di know-how, ma anche di laboratori e impianti moderni ed efficienti.

Nel Parco di Ragusa sono presenti impianti per la separazione del flare gas e compressori per liquefare la CO2 prodotta. Essenziali sono anche l’impianto di demineralizzazione a membrane, lo stoccaggio dell’anidride carbonica, i due chiller ad assorbimento, la baia di lavaggio degli automezzi, le 3 officine meccaniche, l’officina elettrica ed elettronica.

Questi impianti, e tanti altri, condividono obiettivi comuni: lavorare in sicurezza, produrre a basso costo e risparmiare energia.

Perché il risparmio energetico è la più grande centrale elettrica!

Separazione C02

Produrre… un risparmio!

Prima c’era una torcia che bruciava gas. Un gas non utilizzabile, perché conteneva troppa anidride carbonica. Nello stesso tempo si scavavano pozzi per estrarre anidride carbonica: per le bevande, gli impianti antincendio, la metallurgia.

Adesso quella torcia non la vediamo più perché noi trattiamo quel gas di scarto facendolo diventare una risorsa. Produciamo anidride carbonica alimentare utilizzando lo scarto che resta per alimentare una centrale elettrica.

Il processo di separazione è copiato dalla natura: si usa carbonato di potassio in modo simile alla formazione delle stalattiti nelle grotte. Per avere il processo chimico di separazione si sfrutta il calore che la stessa centrale elettrica produce, che altrimenti andrebbe perso.

La produzione massima dell’impianto è di 4 milioni di kg annui di CO2: il fabbisogno della Sicilia.

Stoccaggio della CO2

L’anidride carbonica prodotta viene filtrata e purificata fino a renderla conforme alle restrittive norme della produzione alimentare. Successivamente viene liquefatta tramite appositi compressori e impianti di refrigerazione e infine stoccata in dei serbatoi di accumulo pronta per essere consegnata alle aziende utilizzatrici che la richiedono.  

La CO2 prodotta all’interno dello stabilimento oltre ad essere Food Grade E290 rientra nella specifica ISBT, che è quella richiesta per l’utilizzo della CO2 nelle bevande gassate.